fbpx

WhatsApp

WhatsApp

WhatsApp

  • SEMPRE PIU' IN ALTO!

    Chi più in alto sale, più lontano vede. Chi più lontano vede, più a lungo sogna. Walter Bonatti
  • INCANTATI DALLE NOSTRE MONTAGNE

    Vieni ad emozionarti, in gruppo è più bello
  • TREKKING UNO STILE DI VITA

    Non andare al centro commerciale, vieni a camminare! L'escursionismo è una attività sana, una fatica che rigenera il corpo e l'anima! Il contatto con la natura, l'aria, l'acqua e il vento ti rinforzano e ti riconnettono con il mondo reale!
  • LA NOTTE IN MONTAGNA!

    Dormire sotto le stelle con le nuvole ai piedi.
  • CAMMINARE A FIL DI CIELO

    Qui non c'è niente, solo natura e cielo... il resto è superfluo!
  • IL DOLCE INVERNO

    Neve, ciaspole ed escursionismo. L'inverno alternativo in montagna
  • VIVI IL MARE DA ESCURSIONISTA

    Dall'autunno alla primavera il nord del mediterraneo offre itinerari spettacolari dove le temperature miti ci regalano giornate meravigliose lontane dall'inverno rigido!
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

IL BLOG DI TREKKING ED ESCURSIONI

VALGRANDE, ULTIMO PARADISO DI NATURA, CULTURA E TERRENO DI AVVENTURA

Immersi nel mondo dimenticato della Valgrande attraversandola per intero.

19 10 Valgrande MalescoMergozzo SMALLUna parte del titolo l'ho rubata dal libro di Teresio Valsesia "VALGRANDE, ULTIMO PARADISO", non perchè non avevo idee ma perchè è davvero un ultimo paradiso.

La Valgrande non piace a tutti, bisogna amare i boschi, i terreni impervi e ripidi, le lunghe camminate dentro valli selvagge e boscose, ma quando si arriva sulle creste ti sembra di essere in paradiso e ti accorgi che sotto i tuoi piedi si estende un mondo silenzioso ormai dominato dai ritmi della natura.

Con questo trekking abbiamo percorso tutto il parco nazionale attraversandolo da nord a sud per intero e visitando tutti i suoi ambienti. Dalle zone più alpine tra Scaredi, con la sua preziosa area umida, e la Bocchetta di Campo dove i camosci sono di casa, per passare poi alle famose strette del Casè con la sua storia di dure lotte tra alpigiani ma anche con i loro vertiginosi canaloni che hanno inghiottito escursionisti e alpigiani al loro passagio. Poi abbiamo avuto i ripidi pratoni sotto la corona di Ghina dove si comprende quanto sia dura la montagna. Momenti di escursionismo intenso dove occorre misurare i passi, prestare sempre la massima attenzione e soprattutto non perdere il labile sentiero che qui sono più tracce di animali che di uomini. Poi abbiamo visto il famoso Pogallo, abbiamo pernottato nella capitale della Valgrande, Cicogna, dove per una sera siamo stati ospitati in uno splendido e ben ristrutturato B&B da una coppia coraggiosa che con grande passione e devozione contribuiscono a non spopolare questi piccoli borghi di montagna gestendo anche il piccolo circolo. Poi è stata la volta della parte più bassa della valgrande con i suoi estesi boschi di castagno e di faggio visitando piccoli borghi, ormai fantasma, come Montuzzo dove ad ogni angolo si trovano i resti della vita passata. Poi c'è Velina con il suo unico abitante che porta avanti una filosofia di vita semplice, c'è anche Corte Buè che forse rinascerà e poi salendo di nuovo sulla cresta ci riaffacciamo al rumoroso mondo moderno. Beh lo sapete che non appena abbiamo sentito il rumore del "nuovo mondo" abbiamo avuto due sensazioni opposte!? la prima di sollievo, abbiamo quasi finito le fatiche, la seconda di dispiacere perchè era così bella quella musica di natura, rumori, aria, picchi, ghiandaie, castagne che cadevano dalle piante ecc...

Beh raccontare tutto diventa lungo e forse noioso, quindi in questo racconto faccio parlare più le immagini... forse!

Da Fondo li Gabbi iniziamo la nostra lunga salita

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6607

Con calma, ma non troppo, abbiamo raggiunto la Cima della Laurasca, purtroppo avvolta dalla nebbia. Panorama zero e pochissima gente in giro solo qualche spaurato escursionista di giornata.

Quando iniziamo a traversare verso Cima Binà e il nostro bivacco ci accorgiamo di un nutrito gruppo di svizzeri che si avvicina e il primo pensiero va al posto per dormire! Cerco di aumentare il passo, per la gioia dei miei escursionisti! Non dovremo avere problemi di posto, ma meglio non perdere troppo tempo! Nel frattempo usciamo dalle nebbie

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6632

E finalmente raggiungiamo il nostro agognato e sofferto bivacco

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6637

Riusciamo a sistemarci e mi balena l'idea di salire il Monte Pedum, ma le nebbie che lo avvolgono mi fanno desistere dall'idea, meglio conservare energie! Così in bivacco si passa il pomeriggio chiacchierando e pizzicando qualche cosa mentre la stufa riscalda l'atmosfera umidiccia

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6647

Si fa sera, e dopo la cena da bivacco con tanto di pasta asciutta, salumi, formaggi e mettiamoci anche una crostata si esce a godersi il tramonto

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6658

e la luna piena

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6687

E' mattino chi ha dormito bene, chi meno ma siamo comunque tutti pronti e carichi per la lunga giornata. Oggi si percorreranno le strette del Casè con i suoi impervi passaggi dove l'imperativo è: non scivolare! In questo tratto faremo pochi chilometri e dislivello ma ci vorrà molto tempo a causa del terreno difficile.

La prima stretta ci fa capire subito il suo carattere: ripido!

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6708

La discendiamo con molta attenzione, tra ripidi pratoni e qualche breve salto roccioso, poi traversiamo un canalone che scende vertiginoso nella riserva integrale del Pedum, risaliamo dalla parte opposta dove possiamo vedere la parte appena scesa!

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6714

Passiamo oltre ad una seconda stretta meno impegnativa e poi via per un ripido traverso fino a scendere nella terza, dove ci attende il claustofobico canalino roccioso da superare grazie ad un corrimano.

IMG 20191012 100200

Dopo una successiva e ripida risalita abbiamo superato le famose strette del casè. Ma non finisce qui! i prati di Ghina sono forse più insidiosi! Le ginocchia vengono messe a dura prova e anche qui è meglio non scivolare, l'erba secca diventa un vero e proprio scivolo naturale sul quale è difficile riuscire a fermarsi. Scendiamo quindi con cautela ed una volta raggiunta la parte bassa occorre traversare i ripidi pendii alternati a brevi placche rocciose fino all'Alpe Cavrua dove finalmente terminano le difficoltà e qualcuno riesce anche a trovare qualche prelibatezza del bosco pronte per essere messe dentro un risotto. Il mio gruppo di oggi è tutta gente tosta!

Beh dopo tutte queste fatiche un po' di pace e relax ci vuole! quindi si scende a Pogallo e dopo una bella pausa percorriamo il lungo sentiero del rio Pogallo fino a raggiungere la graziosa Cicogna.

Ora non resta che riposare ma prima ci vuole una buona birra per ringraziare la valgrande per questa meravigliosa giornata.

A cena, beh due piatti di risotto a testa, un buon arrosto di maiale con il radicchio, le lenticchie e dulcis in fundo la torta... e ovviamente l'amaro per digerire! Nanna nello stupendo e confortevole B&B di Federico e via che si ricaricano le pile delle nostre gambe, domani è un altro giorno!

Altra giornata? altra traversata! Oggi abbiamo la parte decisamente meno difficile ma lunga e con dislivelli importanti. Passiamo da Montuzzo con il suo villaggio che racconta di una laboriosa vita passata

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6769

Poi dopo qualche tratto attrezzato ma di facile percorrenza è la volta di Velina più soleggiato e vissuto

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6782

Qui non sostiamo e tiriamo dritto... si fa per dire... a Corte Buè dove troviamo una festa! dopo tanto isolamento ci ritroviamo nel caos festoso che all'arrivo provoca quasi una sensazione di stordimento! Però nella pausa ci godiamo l'allegria dei ragazzi dove il cibo non manca tra vino, minestra e salame!

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6833

Gente prepariamo armi e bagagli, che ora ci aspetta l'ultima salita che dopo tutto il sali scendi di questi giorni la sentiremo tutta come se fosse l'ascensione all'everest dalla pianura padana! Ma per fortuna i miei escursionisti sono tipi molto tosti e non cedono nemmeno un minuto

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6860

Così passo dopo passo guadagnamo la Colma di Vercio ora ci si affaccia al mondo moderno! Sollievo ma anche un pizzico di nostalgia per quel mondo naturale incredibile che ci lasciamo alle spalle!

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6862

Ora non ci resta che raggiungere Mergozzo per la meritata birra finale come tradizione vuole!

Grazie per aver partecipato e complimenti, è stato un trekking molto impegnativo su tutti i fronti! mai banale, ma a modo suo affascinante.

19 10 Valgrande MalescoMergozzo 6705

GUARDA IL FOTOALBUM COMPLETO SU GOOGLE FOTO

e-max.it: your social media marketing partner

EVENTI IN EVIDENZA


EPIFANIA ALLE CINQUE TERRE TREKKING RESIDENZIALE

Da: Mer 6 Gen 2021
A: Sab 9 Gen 2021

Levanto (SP)

CONTATTAMI


WhatsApp           WhatsApp

CONTATTAMI

WhatsApp

oppure


WhatsApp

ISCRIVITI AL CANALE


WhatsApp

Ricevi notizie e le news dell'ultim'ora sulle gite in tempo reale

ISCRIVITI AL CANALE


WhatsApp

Ricevi notizie e le news dell'ultim'ora sulle gite in tempo reale

Per entrare nell'area riservata effettua il login. Se non sei registrato devi registrarti come utente
 Davide Adamo - Guida Escursionistica Ambientale
     Via Monte Rosa 40
     20081 ABBIATEGRASSO (MI)
 Tel.: +39 347 38 63 474
 Email: info@northwestrekking.it

Associato a:

 

GeaVcoLogo 80

Se vuoi ricevere la newsletter con le nuove proposte inserisci il tuo nome e la tua mail. ATTENZIONE: Con questa iscrizione ricevi solo la newsletter. Per iscriversi alle gite occorre registrarsi come utente.

Abilita il javascript per inviare questo modulo