• SEMPRE PIU' IN ALTO!

    Chi più in alto sale, più lontano vede. Chi più lontano vede, più a lungo sogna. Walter Bonatti
  • INCANTATI DALLE NOSTRE MONTAGNE

    Vieni ad emozionarti, in gruppo è più bello
  • TREKKING UNO STILE DI VITA

    Non andare al centro commerciale, vieni a camminare! L'escursionismo è una attività sana, una fatica che rigenera il corpo e l'anima! Il contatto con la natura, l'aria, l'acqua e il vento ti rinforzano e ti riconnettono con il mondo reale!
  • LA NOTTE IN MONTAGNA!

    Dormire sotto le stelle con le nuvole ai piedi.
  • CAMMINARE A FIL DI CIELO

    Qui non c'è niente, solo natura e cielo... il resto è superfluo!
  • IL DOLCE INVERNO

    Neve, ciaspole ed escursionismo. L'inverno alternativo in montagna
  • VIVI IL MARE DA ESCURSIONISTA

    Dall'autunno alla primavera il nord del mediterraneo offre itinerari spettacolari dove le temperature miti ci regalano giornate meravigliose lontane dall'inverno rigido!
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

IMPARIAMO A VESTIRCI E AD EQUIPAGGIARCI CORRETTAMENTE

BASTONCINI TELESCOPICI DA ESCURSIONISMO

BASTONCINI TELESCOPICI DA ESCURSIONISMO

ImpugnaturaI bastoncini da escursionismo sono diventati un accessorio molto utilizzato in ambito escursionistico. L’utilità? Semplice, ti aiutano a fare meno fatica alleggerendo il carico sulle articolazioni e aiutandoti a fare meno sforzo nelle salite e discese ripide.

Camminare lungo un sentiero con tutte le asperità che presenta spesso ci porta a sovraccaricare le nostre gambe sollecitando molto sia la muscolatura e sia le articolazioni. Utilizzando i bastoncini scarichiamo parte del peso e dello sforzo sulle braccia e sulle spalle. Soprattutto quando effettuiamo trekking di più giorni con lo zaino pesante diventano utili anche per mantenere meglio l'equilibrio.

BastonciniTotalConosciamo meglio questo semplice accessorio:

ImpugnaturaImpugnatura: Elemento da non sottovalutare, meglio sceglierlo con un materiale morbido che non procuri vesciche o calli con l’utilizzo. Molti bastoncini hanno un prolungamento del rivestimento simile a quello dell’impugnatura. Questo torna utile quando, in salita, dobbiamo posizionare i bastoncini su appoggi alti impendendoci di impugnarli nella parte superiore.

BloccaggioSistema di regolazione e bloccaggio: Il bastoncino telescopico, come suggerisce la parola, può essere allungato ed accorciato a seconda della nostra altezza e utilizzo. Per poter bloccare lo scorrimento dei tubolari esistono due sistemi principali: A vite (il più comune) e a leva. Il sistema a vite è quello più semplice e diffuso, all’interno di ogni tubolare è presente un filetto ed un piccolo freno elicoidale che avvitandolo si allarga agendo a mò di frizione sul tubolare. Mentre il sistema a leva è composto da un collare con una vite dotata di sistema di bloccaggio a leva, simile a quello utilizzato nelle selle delle biciclette.

RondellaPuntalePuntale e rondella: La parte terminale del bastoncino è dotata di un puntale metallico con la testa zigrinata per fare maggiore attrito su superfici rocciose e per fare presa in qualsiasi tipo di terreno. A pochi centimetri dalla punta è posizionata la rondella. Quest’ultima è di due tipi: una con un diametro piccolo utilizzata in estate e su terreni non innevati ed una con un diamtetro più largo e con fori utilizzata su percorsi innevati. Nel primo caso, estate, la rondellina evita che il bastoncino si infili tra le rocce oppure non si infilzi nel terreno. Nel secondo caso, inverno, serve a non fare sprofondare il bastoncino nella neve. 
Come utilizzarli? Eccoti qualche consiglio:

I bastoncini accompagnano la camminata in maniera alternata: Gamba destra avanti, braccio e bastoncino sinistro avanti, è la tecnica classica del Nordic Walking. Alternando braccio con gamba opposta si ha una camminata fluida ed equilibrata e il braccio opposto alla gamba avanti serve a dare una piccola spinta alleggerendo il passo. Questo è possibile su terreni regolari, dove non ci sono ostacoli che "spezzino" il passo. E' il movimento base della camminata con bastoncini.

Quando la pendenza in salita è forte (dai 30° circa in su) è opportuno puntare tutte e due i bastoncini in avanti in modo da alleggerire il carico sulle gambe e procedere in salita con meno fatica e maggiore velocità. In questo caso una volta che con le gambe siamo sulla stessa linea dei bastoncini occorre portarli avanti di nuovo per avere nuova spinta.

Nei traversi sono utili per mantenere l'equilibrio e come sicurezza sulle forti pendenze. Quando effettuiamo un traverso su un sentiero stretto su pendii ripidi, il bastoncino a monte (es. alla nostra destra c'è il pendio, quindi il nostro bastoncino a destra è quello a monte) è quello sul quale occorre fare affidamento per avere stabilità è sicurezza. In caso di scivolata è quello sul quale occorre fare forza per non cadere. Il bastoncino a valle in questa fase serve solo per equilibrare il passo. Il movimento è simile a quello in salita ripida: il bastoncino a monte va sempre mantenuto in avanti, una volta quindi raggiunto con le gambe, si riporta avanti il bastoncino.

e-max.it: your social media marketing partner
Per entrare nell'area riservata effettua il login. Se non sei registrato devi registrarti come utente
 Davide Adamo - Guida Escursionistica Ambientale
     Via Monte Rosa 40
     20081 ABBIATEGRASSO (MI)
 Tel.: +39 347 38 63 474
 Email: info@northwestrekking.it

Associato a:

 

GeaVcoLogo 80   

Se vuoi ricevere la newsletter con le nuove proposte inserisci il tuo nome e la tua mail. ATTENZIONE: Con questa iscrizione ricevi solo la newsletter. Per iscriversi alle gite occorre registrarsi come utente.