fbpx

WhatsApp

WhatsApp

WhatsApp

Header2022 1263WEBP

IL BLOG DI TREKKING ED ESCURSIONI

ESCURSIONE AL FLAMBEAU

trekking milano

Una alternativa per scappare dalle nubi e dalla pioggia

Oggi con un bel gruppo abbiamo fatto una escursione in bassa Valle d'Aosta, partendo da una milano griga e piovosa! Questo sarebbe il riassunto di una escursione che molte persone immaginerebbero visto il pesante terrorismo meteorologico al quale siamo sottoposto da media, siti web e meteopatici.

Invece se si osservano i bollettini, se si conosce un pochino l'orografia delle montagne e si sanno scegliere le alternative giuste una escursione che pare spacciata diventa una escursione di successo. Ammetto anche che una discreta componente è chiamata anche fortuna!

Morale dopo vari messaggi del tipo "tranquilli è solo variabile" "guarda che in genere nelle ore centrali del mattino sarà asciutto" "guarda che poi il tempo va in miglioramento" e così via, riesco a raccimolare un micro gruppo. Lo scopo della giornata sarà quello di goderci un bel percorso, simpatico, panoramico il giusto, evitando di finire dentro le nubi che unito ad un pizzico di fortuna ci regalerà una giornata divertente e interessante. Così è stato!

Oggi avevamo nel gruppo escursionistico Milaneso-paveso-genovese due elementi fondamentali: la mia giacca talismano e la donna talismano che uniti ci hanno salvato la giornata. Io comunque a sta cosa del talismano comincio a crederci davvero!

Dopo una super brioches alla famosa pasticceria alle porte della Valle d'Aosta ci dirigiamo verso la Val d'Ayas. La Tete de La Cou oggi è coperta da una densa nube, poi siamo troppo affacciati verso il piovoso canavese, quindi meglio scavalcare la porta di Bard ed infilarci dentro una valle più riparata dalle correnti umide. Mai scelta così azzeccata! Il cielo di là pare voglia concedere qualche spazio di schiarita e soprattutto non piove!

Oggi è una sorta di mezza esplorativa nel senso che una parte la conosco mentre l'altra non ci sono mai stato e mi ha sempre incuriosito quel pistolino che svetta dal bosco tra la Val d'Ayas che qui si chiama Valle di Challand e la Valle centrale sopra Saint Vincent.

Partiamo decisi ma qui le mie signore vengono rapite dalle installazioni artistiche del bosco

arte nel bosco

Ok le piccole opere d'arte naturali sono in qualche modo affascinanti ma meglio dare un po' di ritmo altrimenti qui facciamo notte. Quindi dopo le solite foto artistico-naturalistiche in posa ci dirigiamo per il facile sentiero fino al piccolo valico dove troviamo, in una bella e ampia prateria, i giocatori di Tsan un antico e popolare gioco Valdostano. Il match della serie A si disputa alle 13.30, chissà magari al ritorno ci diamo uno sguardo.

Intanto mi trascino per il colletto le escursioniste intente a farsi spiegare il gioco dal baldo e giovane giocatore, donne qui c'è da camminare e il fallico simbolo d'Arlaz detto Flambeau che pare più una cosa che si mangia piuttosto che da scalare ci aspetta.

Riportati tutti sulla retta via saliamo nel bel bosco silenzioso, qui la segnaletica si perde e ci vuole una buona mappa. Il santo GPS è davvero utile qui per capire dove passare per andare verso la nostra meta.

Finalmente lo trovo e il tratto per raggiungere questo flambeau richiede un po' di camminata su sassoloni, qualcuno desiste tanto è una breve deviazione. Detto questo qualche goccia inizia a scappare. Sono sporadiche gocce di piogga ma per non bagnarsi meglio coprirsi adeguatamente. Così con i più decisi e masochisti del gruppo proseguiamo in traverso tra i sassi e finalmente ecco il Flabeaux.

Flambeau d'Arlaz

Sopra le nostre teste sgocciola ma davanti a noi vediamo un bel buco azzurro che pare avanzare. Scruto il sentiero e forse di li si passa senza problemi, ma meglio non allungare ulteriormente. Tornati sui nostri passi riprendiamo le altre persone rimaste ad aspettare e facciamo ritorno al bel pratone dove ci aspettano anche le panche per il frugal pranzo dell'escursionista.

Assieme alle panche arriva anche il sole che bacia i belli!

Mont Avic

Diamo uno sguardo ai giocatori che si preparano al Match della serie A con il nutrito pubblico costituito da ben due persone... arbitro escluso! Si vede che la giornata ha fatto desistere tanti tifosi!

Il morale è alto e visto che il tempo regge bene il colpo dopo pranzo non ci facciamo mancare il piccolo laghetto con tante paperine... no le paperine non c'erano ma tante trote sì!

Dopo il lago che si fà? scendiamo? si dai! poi vedo che qualcuno tendeva lo sguardo verso il castello. Ma perchè non saliamo? Mah per me va bene... anzi l'idea di camminare sull'asfalto non è che mi piaceva molto e poi è solo una breve risalita!

Che castello sia e soprattutto il panorama è sicuramente carino e meritevole

Dietro però le nubi nere sul canavese mi danno qualche timore di sconfinamento dentro i bastioni valdostani, mi auguro che la porta di Bard venga chiusa e non faccia passare il temporale. La discesa dal castello al paese è breve per fortuna e in circa 15 minuti siamo alla macchina felici di una giornata di escursionismo. Alla fine ci siamo sparati 13 km di camminata con altrettanti 600 m di dislivello che visti i timori di una giornata passata sul divano direi che sono più che soddisfacenti.

Grazie a tutti per la fiducia e l'allegria, oggi è stato divertente e interessante scoprire una zona sconosciuta in una valle da me conosciuta! Con questa frase marzulliana vi aspetto alla prossima avventura!

GUARDA IL FOTOALBUM COMPLETO SU GOOGLE FOTO

e-max.it: your social media marketing partner

INFORMAZIONI UTILI

INTERPRETARE LE DIFFI...

Difficoltà escursionistiche

Come capire se l'escursione che hai visto fa per te!

Interpretare le difficoltà escursionistiche non è cosa semplice per chi è alle prime armi. Qui trovi la descrizione delle scale di difficoltà sia secondo il CAI - Italia (T - E – EE…) e sia secondo il CAS – Svizzera (T1 – T2 …) ...

Leggi tutto...

COME PARTECIPARE ALLE...

Thumb Emoticonquestion

Gite in montagna organizzate con partenze da Milano e Novara.

Perché camminare con noi? Perché andare per monti significa conoscere il luogo che stai visitando e non è semplicemente il seguire zaino in spalla un sentiero indicato da un cartello o segnato su una mappa o il raggiun...

Leggi tutto...

INFORMAZIONI UTILI

INTERPRETARE LE DIFFI...

Difficoltà escursionistiche

Come capire se l'escursione che hai visto fa per te!

Interpretare le difficoltà escursionistiche non è cosa semplice per chi è alle prime armi. Qui trovi la descrizione delle scale di difficoltà sia secondo il CAI - Italia (T - E – EE…) e sia secondo il CAS – Svizzera (T1 – T2 …) ...

Leggi tutto...

COME PARTECIPARE ALLE...

Thumb Emoticonquestion

Gite in montagna organizzate con partenze da Milano e Novara.

Perché camminare con noi? Perché andare per monti significa conoscere il luogo che stai visitando e non è semplicemente il seguire zaino in spalla un sentiero indicato da un cartello o segnato su una mappa o il raggiun...

Leggi tutto...

CONTATTAMI


WhatsApp           Messenger

CONTATTAMI

WhatsApp

oppure


Messenger

ISCRIVITI AL CANALE


Telegram

Ricevi notizie e le news dell'ultim'ora sulle gite in tempo reale

ISCRIVITI AL CANALE


Telegram

Ricevi notizie e le news dell'ultim'ora sulle gite in tempo reale

Per entrare nell'area riservata effettua il login. Se non sei registrato devi registrarti come utente
 Davide Adamo - Accompagnatore di Media Montagna
     Via Monte Rosa 40
     20081 ABBIATEGRASSO (MI)
 Tel.: +39 347 38 63 474
 Email: info@northwestrekking.it

Associato a:

Amm Lombardia

GEA SIEB
SINW

 

Se vuoi ricevere la newsletter con le nuove proposte inserisci il tuo nome e la tua mail. ATTENZIONE: Con questa iscrizione ricevi solo la newsletter. Per iscriversi alle gite occorre registrarsi come utente.

Abilita il javascript per inviare questo modulo