fbpx

WhatsApp

WhatsApp

WhatsApp

escursioni e gite in montagna

INCANTATI DALLE NOSTRE MONTAGNE

Vieni ad emozionarti, in gruppo è più bello

escursioni e gite in montagna

IL BLOG DI TREKKING ED ESCURSIONI

UNA ALLEGRA BANDA SUL MAGNODENO

Un anello tra le montagne lecchesi al cospetto del Resegone

MagnodenoTerzo giorno di ponte festivo dopo la fatidica riapertura delle gabbie, siamo andati proprio nella tana del lupo! Il Resegone è la montagna dei Milanesi, appiccicata alla pianura, veloce da raggiungere e costellata di rifugi di ogni tipo. Con questa gita pensavo di restare lontano dalla fiumana di gente che si riversava verso i rifugi percorrendo un anello tra creste, bosco e torrenti vigorosi, ma invece....

Ci ritroviamo con il micro gruppo in quel di Erve ancora apparentemente deserta e sonnecchiante, eh già perchè il merenderos arriva verso le 10.30!

La giornata promette bene, aria non troppo calda e cielo azzurro o quasi. Ci immettiamo nel fresco bosco e iniziamo a percorrerlo tra le belle fioriture di Astranzie e di Aquilege, così per citarne qualcuno. Oggi ho ripassato per bene i nomi prima che le ore di sonno di arretrato mi presentassero di nuovo il conto!

Il gruppo di oggi, ha una bella gamba quindi si procede allegri e baldanzosi,

20 06 MagnodenoFo 9632

Oggi abbiamo volti seminuovi e volti conosciuti ed il vantaggio dell'essere in pochi permette una giusta amalgama. Quasi quasi propongo solo gruppi da 4 persone ma devo alzare il prezzo... ma credo che non verrebbe più nessuno!

Intanto che si chiacchiera raggiungiamo l'ennesimo confine, pericolosi in questo periodo, ma leggendo bene ci accorgiamo che è un confine piuttosto antico tra lo Stato di Milano e lo Stato Veneto. Meno male perchè pensavo di trovare il noto governatore del Veneto pronto a sparare tamponi ad eventuali invasori Milanesi. Così ci prendiamo la pausa al cospetto del Resegone che un tempo non era la montagna dei Milanesi ma dei Veneti, ma tu guarda quante cose interessanti si scoprono!

In sosta

Siamo finalmente fuori dal bosco e via di cresta, facile e comoda ma come tutte le creste la visione è stupenda

Magnodeno cresta

Poi la cresta si stringe e i volti seminuovi si trovano ad affrontare le loro prime timide uscite più montane allora si dispensano consigli su come muoversi, ma quelli li lasciamo per quando si scende da qualche tratto più roccioso.

Intanto tra le solite ciacolate che non sono cioccolate, eccoci al Monte Magnodeno, prima cima e panorama da urlo!

In cima

Qui troviamo già un discreto assembramento, noi ci cerchiamo un angolo appartato ma è davvero dura. Il sottoscritto preso dalle calure estive decide di indossare le braghe corte e mi cerco un angolo riparato per non fare uno streap tease sulla cima.

Qui vedo che il gruppetto comincia a pensare al pranzo: dove ci fermiamo? Beh la giornata è ancora lunga, quindi meglio raggiungere la seconda cima così sarà tutta solo discesa.

Quindi si va di traverso percorrendo i fianchi della famosa Cresta della Giumenta che verrà proposta in futuro visto l'interesse. Qui impartisco qualche consiglio: metti il piede così cammina cosà, fai un salto fanne un'altro ecc.. Ma vedo che i miei baldi escursionisti sono abbastanza in gamba. Intanto il Magnodeno si allontana ma anche la visione del sentiero che si snoda tra i ripidi pratoni è molto suggestiva

Giumenta traverso

Intanto veniamo rapiti dalla visione di un bellissimo esemplare di Giaggiolo susinario detto più comunemente Iris perchè il suo nome scientifico è Iris graminea.

Iris

Traversa che ti traverso ed eccoci all'affolatissima Capanna Monzesi. Qui più che un assembramento mi sembrava un accampamento in stile Woodstock, visto che gli argomenti delle ciacole erano sul chi eravamo tanti anni fa. Così raggiungiamo la Cima del Fo, ma anche qui troviamo gente. Ma per fortuna ai piedi della ferrata troviamo un bel prato decisamente meno affollato dove possiamo accomodarci per il pranzo.

Viste le buone tempistiche di cammino, ci concediamo una discreta pausa tra occhiate di sole e qualche nuvola che affolla il cielo.

Ma come tutte le pause finiscono e la discesa non è mica tanto breve, quindi rimettiamoci gli scarponi! Passiamo il rifugio ma la folla non invita alla breve sosta, quindi scendiamo nella bellissima gola scavata dal torrente Gallavessa dove le sue numerose pozze ci invitano alla frescura

Pozze al Gallavessa

Ma oltre ai gavettoni, che ne dite di pucciare i piedi? Accontentati! mannaggia non ho fatto la foto ma giuro che ci siamo rinfrescati. Il torrente sembra una succursale di Rimini, mai vista così tanta gente sul torrente Gallavessa!

Ricomposti scendiamo nella bella Erve decorata di strani portavasi dipinti, che ha reso il rientro piacevole.

Ebbene anche questa giornata è trascorsa con una sano escursionismo, fiori, piante, tanti bipedi e nessun quadrupede questa volta ma anche tanta allegria.

Gruppo in cima

GUARDA IL FOTOALBUM COMPLETO SU GOOGLE FOTO 

e-max.it: your social media marketing partner

EVENTI IN EVIDENZA


ALTA VAL MAIRA TREKKING RESIDENZIALE

Da: Ven 23 Lug 2021
A: Lun 26 Lug 2021

Acceglio (CN)

ALTA VIA GLACIALE VALDOSTANA - TREKKING ITINERANTE

Da: Gio 5 Ago 2021
A: Dom 8 Ago 2021

Rhêmes Notre-Dame (AO)

CONTATTAMI


WhatsApp           Messenger

CONTATTAMI

WhatsApp

oppure


Messenger

ISCRIVITI AL CANALE


Telegram

Ricevi notizie e le news dell'ultim'ora sulle gite in tempo reale

ISCRIVITI AL CANALE


Telegram

Ricevi notizie e le news dell'ultim'ora sulle gite in tempo reale

Per entrare nell'area riservata effettua il login. Se non sei registrato devi registrarti come utente
 Davide Adamo - Guida Escursionistica Ambientale
     Via Monte Rosa 40
     20081 ABBIATEGRASSO (MI)
 Tel.: +39 347 38 63 474
 Email: info@northwestrekking.it

Associato a:

 

GeaVcoLogo 80

Se vuoi ricevere la newsletter con le nuove proposte inserisci il tuo nome e la tua mail. ATTENZIONE: Con questa iscrizione ricevi solo la newsletter. Per iscriversi alle gite occorre registrarsi come utente.

Abilita il javascript per inviare questo modulo