LE CASCATE DEL PERINO

Una comoda e calda escursione alla coppa piacentina

PerinoRed 8757Alla faccia dell’autunno, oggi sembrava di essere a fine settembre, o meglio, in primavera! Caldo, fiori che sbocciano, insetti che svolazzano! Tutti elementi che fanno pensare alla bella stagione, ma ahimè siamo a Novembre e non appena l’alta pressione di questi giorni si defilerà altrove, le nostre belle montagne si imbiancheranno.

Oggi abbiamo un gruppetto che già dalle prime ore della mattina ha più in mente la coppa piacentina che le cascate del Perino e ad essere sincero anch’io ci pensavo e già dalla sera prima!


Appena usciti dall’autostrada nei pressi di Piacenza ci infiliamo in un bar per una veloce colazione dove non mancano brioches dai ripieni più svariati, quella al pistacchio è fenomenale. Oggi l’escursione non è così faticosa, possiamo concederci anche colazioni più golose.
Percorriamo la tortuosa strada che si inerpica tra le colline del Piacentino e finalmente dopo “centinaia” di curve eccoci a Calenzano punto di partenza del nostro percorso. Percorriamo la bella e comoda strada bianca fino a raggiungere un antico mulino. La struttura è piuttosto pericolante, ma la regione Emilia Romagna la sta lentamente sistemando, già da ora si possono vedere le interessanti canalizzazioni per far funzionare l’enorme ruota del mulino. Ci chiediamo dove sia il mugnaio, cerco Antonio, la gallina Rosita ma non risponde nessuno! Secondo me si sarà trasferito a Bettole forse perché li la coppa è buona!PerinoRed 8769
Riprendiamo il cammino, purtroppo la prima cascata non è raggiungibile perchè la recente alluvione di fine Settembre ha fatto diversi danni in Val Trebbia, riusciamo solo a intravederne una parte dall’alto. Percorriamo il facile sentiero che entra nel bosco e scendiamo alla seconda cascata, dove i “soliti fotografi” iniziano ad attrezzare il campo di battaglia con cavalletti e obbiettivi. Oggi l’escursione è davvero relax e ci prendiamo i dovuti tempi, ci scappa anche qualche piccolo consiglio fotografico per il famoso e gettonatissimo “effetto seta”! Anche le altre cascate seguono più o meno lo stesso trend, d'altronde sono molto belle e scenografiche e la giornata calda e soleggiata invita a stare fuori.
Arrivata l’ora di pranzo ci accomodiamo sul greto del torrente Perino per consumare il nostro pranzo frugale ma le nostre pance pensano sempre alla coppa piacentina e si ricordano che quasi all’inizio del percorso c’è un piccolo agriturismo. Dopo una mezz’ora circa, raccogliamo “armi e bagagli” lasciando il posto ad un gruppo piuttosto numeroso che ci ha raggiunto sul finire della nostra pausa e ci dirigiamo verso il termine del sentiero per riprendere la carrozzabile e chiudere il nostro piccolo anello.
Terminiamo la nostra escursione con una piccola merenda a base di coppa piacentina all’agriturismo, è così buona che vorremmo portarcela a casa. Detto, fatto! a valle c’è una sagra dove una famosa macelleria della zona la vende, non ci facciamo mancare questa occasione e prima di tornare a casa facciamo una veloce scappata a Ponte dell’Olio per una passeggiata tra le vie del borgo e per fare il nostro acquisto tanto agognato.
Grazie a tutti per aver partecipato e per aver portato la vostra simpatia e allegria.

PerinoRed 8785

GUARDA IL FOTOALBUM COMPLETO SU GOOGLE+

e-max.it: your social media marketing partner

Associato a:

 

GeaVcoLogo 80