IL GRANDE EST DI DEVERO

Una bella escursione ad anello tra gli alpeggi di Sangiatto e Pojala al Devero.

SangPoj-0640Dopo le meritate vacanze e le mie uscite personali sulle più belle montagne italiane e non solo (guardate gli articoli del blog precedenti a questo), eccomi di ritorno con le mie gite in programma. La domenica appena trascorsa è andata davvero bene meteorologicamente parlando!

Solo una partecipante, la mitica Alessandra, che tra l’altro non è mai stata all’Alpe Devero, ma come dico sempre pochi ma buoni. Con i gruppetti poco numerosi, i vantaggi sono sempre tanti, sopratutto per chi partecipa.


Partiamo dalla piatta pianura in direzione Montagne con il cielo grigio e qualche goccia di pioggia strada facendo. Le previsioni non davano pioggia al mattino e io sono fiducioso dei calcoli dei nostri esperti meteo. Arrivati a Baceno, piccola pausa bar, la tradizione non si spezza! Ma nel frattempo il cielo da queste parti è decisamente meglio e tra le velature del cielo inizia a farsi spazio l’azzurro.

Parcheggiata l’auto all’Alpe Devero, eccoci pronti a partire. Tira un po’ di aria ma sembra che il venticello sia più propenso ad aprire il cielo che a portare più nubi.

Cammina cammina e anche di buon passo la mitica Alessandra, ed in poco eccoci al Sangiatto con il suo meraviglioso laghetto, dove le piccole piante acquatiche di Coltellaccio a Foglie Strette (Sparganium angustifolium) , disegna linee uniformi sulla superficie del lago. Questo è solo l’anticipo di ciò che vedremo perché tutta la zona degli alpeggi del grande est di Devero, sono interessati da tante zone umide e laghetti alpini. La giornata intanto si fa sempre più bella, le cime delle montagne giocano a nascondino con le nuvole che a loro volta si divertono a disegnare forme curiose nel cielo.

SangPoj-0656
Dal Sangiatto arriviamo alla Bocchetta di Scarpia da dove abbiamo una bellissima vista sul Cervandone, sulla Punta della Rossa e sul pizzo di Crampiolo. Dalla parte opposta il piccolo pianoro di Pojala e la cresta spartiacque con la Valle Antigorio da dove incombono nuvole più minacciose. Affrontiamo il lungo traverso che ci porta all’Alpe Pojala e durante il nostro cammino scorgiamo il Lago di Agaro con la sua diga. Tutto intorno enormi cumuli di nuovole risalgono verso l’alta valle ma senza mai raggiungerla. Queste giornate con i giochi di nuvole sono straordinarie!
Arriviati all’Alpe Pojala tra qualche tentennamento del tipo: “passiamo di qui che è meglio… ma no forse no meglio tornare di la…” risaliamo la dolce dorsale che ci porta poi al Lago di Pojala. Alla fine tra una chiacchera e l’altra non siamo passati dal famoso inghiottitoio, chiedo venia. Ma non è detto che non ci passiamo per fare un’altra bella escursione in quella zona.

L’ora di pranzo è quasi al limite: “Va beh dai arriviamo al passo e poi mangiamo!” Arrivati al passo tira una bella bisa: “mhhm mi sa che è meglio scendere un pochino che tira meno vento!” “Cià fermiamoci qui!!”… “ma non è meglio scendere un pochino? Di la sembra ci sia anche più sole”.. “Eh eh, se corriamo dietro al sole mi sa che arriviamo alla macchina, cerchiamo un bel masso comodo e mangiamo qui con il bel panorama e la pace dell'alpe!” E fù così che i nostri eroi riuscirono a mangiare due tre taralli e un po’ di frutta. Fino a qualche anno fa, mangiavo da uno a due panini, ora mangio qualche tarallo con un po’ di frutta disidratata e fine del pranzo!! Però alla sera quando arrivo a casa o in rifugio, mi mangio anche il tavolo!

SangPoj-0663Dopo il breve pranzo riprendiamo la discesa dove facciamo il piacevole incontro con una marmotta che ci fischia non appena siamo in zona cesarini! Chissà cosa pensano di noi questi abitanti delle alpi? Io mi immagino che dicano “ecco i soliti bipedi”.

Arrivati al Lago di Devero siamo quasi al termine, ma prima facciamo una breve sosta a Crampiolo per l’acquisto del formaggio, che qui è davvero buono.
Anche questa domenica è andata bene, anzi di lusso per vari motivi:
1. Non abbiamo preso acqua
2. Abbiamo avuto sole per quasi tutta l’escursione
3. Abbiamo conosciuto una simpatica marmotta
4. Ci siamo fatti una scorpacciata di panorami
5. Abbiamo preso dell’ottimo formaggio.
Cosa chiedere di più da una escursione?

SangPoj-0642

GUARDA IL FOTOALBUM SU GOOGLE+

e-max.it: your social media marketing partner

Associato a:

 

GeaVcoLogo 80