LARIO TREK VERSIONE LONG PLAY!

Due giorni sul triangolo lariano per un lungo ma facile percorso

17 04 LarioTrek 3559smallNeanche il tempo di disfare lo zaino che subito mi ritrovo dopo tre giorni ancora al parcheggio milanese per un secondo trekking. Nei tre giorni di attesa sono stato appiccicato al radar precipitazioni continuamente, osservando web cam e facendo danze propiziatorie contro la neve in arrivo. Sì hai capito bene, neve!

L’epilogo è che per fortuna il giorno prima della partenza è uscito il sole che ha ripulito tutto lasciando solo qualche chiazza nelle zone in ombra e sui versanti nord.

1° GIORNO

A Como riusciamo a trovare un parcheggio economico ma il prezzo maggiore è da pagare con una bella camminata cittadina per raggiungere la funicolare. Meteo splendido e pausa veloce al bar pasticceria del lungo lago.

Salita in funicolare ed eccoci a Brunate tra ville signorili e panorami da urlo. Iniziamo a camminare e la temperatura frizzante ci tiene belli allegri.

17 04 LarioTrek 3492

Cammina cammina ed eccoci sulla prima cima il Bolletto

17 04 LarioTrek 3499

Il percorso è completamente sgombro da neve e dopo una breve pausa raggiungiamo il Bolettone dove ci mettiamo a sgranocchiare qualcosa al riparo dall’aria frizzantina aprofittando di un bel pratone costellato di narcisi.

17 04 LarioTrek 3531

Prima che lo sgranocchiare diventi un banchetto, ci mettiamo in moto per raggiungere il bel rifugio Riella, dove finalmente concedo, per chi lo desidera, lo squarcio alimentare o la mezza pennica pomeridiana!

Due ore di cammino ancora e siamo a destinazione, in tempo per una doccia, una sistemata e finalmente cena… e che cena! Lasagne con le ortiche o risotto alla bietola, goulash o uova speck e polenta e un buon strudel. Dei primi abbiamo fatto anche il bis! C’era bisogno di integrare le scorte energetiche e ricaricare le pile.

2° GIORNO

L’aria è meno frizzate almeno apparentemente! Non appena raggiungiamo la bocchetta qualche nube inizia a coprire il cielo… Uno spaurato gruppetto è deciso a salire in vetta, l’altro più mite decide per una pennica al mezzo sole rimasto. La salita alla cima è frettolosa e tra le nubi che aumentano mentre la foschia rende il panorama lattiginoso e sfocato.

17 04 LarioTrek 3608

Scendiamo rapidamente alla bocchetta e mi accorgo di averla sbagliata clamorosamente, la deviazione comporta solo un piccolo allungo ma ci porta a percorrere un bel bosco

17 04 LarioTrek 3618

Ci raccordiamo di nuovo al percorso principale e sostiamo al Parco Monte San primo per una sosta pranzo, un po’ sfortunata in quanto il parcheggio è colmo di persone, il ristorante pieno e l'idea di mangiare qualcosa al calduccio è piuttosto remota, ma noi siamo escursionisti e siamo pronti a queste evenienze!

Riprendiamo il cammino tra fioriture e vedute sul lago ed in poco più di due ore siamo a Bellagio dove prenderemo il pullman di linea che riusulterà pieno e con la sorpresa della coda tra Torno e Como, ma alla fine riusciamo ad arrivare a destinazione.

Grazie a tutti i partecipanti e arrivederci alla prossima.

17 04 LarioTrek 3559

GUARDA IL FOTOALBUM COMPLETO SU GOOGLE FOTO

e-max.it: your social media marketing partner

Associato a:

 

GeaVcoLogo 80