Yoga In quota saluto al soleIl camminare in montagna nella natura e la pratica Yoga. 

Quando si parla di escursionismo, mai si pensa che possa avere un collegamento con la pratica dello Yoga.

Invece queste due attività si coniugano perfettamente poiché non solo si propongono lo stesso fine: raggiungere uno stato di pace, calma e benessere. Ma lo ottengono adottando una motoria e al contempo una prospettiva di sguardo esattamente complementari.

Infatti, camminare in montagna accompagnati da una guida naturalistica è una attività prettamente anaerobica che, nello sforzo prolungato in assoluta sicurezza, porta a pensare e meditare con tranquillità, grazie al ritrovato contatto con l'esterno: la natura, nostra vera casa, di cui veniamo resi pienamente partecipi dalle indicazioni della guida.
La guida naturalistica ha quindi nell'escursione la fondamentale funzione di “Virgilio”, garante della sicurezza e della condivisione consapevole di ogni aspetto dell'evento.

Di converso lo Yoga è un'attività prettamente aerobica che porta il praticante ad interiorizzare l'attenzione, a guardare dunque al proprio interno in un progressivo percorso di contemplazione equanime delle proprie azioni e reazioni fisiche, mentali ed emozionali.
E' il proprio Sé, l'autocoscienza, ad assumere in questo caso il ruolo di “Virgilio”: nello yoga infatti si impara fondamentalmente a divenire maestri, guide, di sé stessi.

La complementarietà della motoria e della prospettiva offerte dalle 2 attività - l'escursione e la condivisione yogica – non può dunque che garantire l'ottimizzazione del proprio stato psico-fisico.
La pace interiore e quella sensazione di ben_essere – di rinnovata energia in uno stato di serena equanimità – vengono assicurate proprio in virtù di questo duplice e integrativo approccio.

Se aggiungiamo la bellissima atmosfera di amicizia e buonumore che si possono trovare in un accogliente rifugio di montagna, il benessere e la felicità sono davvero a portata di mano.

Tutto questo è avvenuto nella prima edizione di YOGA IN QUOTA che si è tenuta il 21 e 22 Settembre 2013 al bellissimo e accogliente Rifugio Crosta in Val Divedro (VB)...Yoga In Quota gruppo

La giornata di Sabato è trascorsa in allegria e serenità salendo senza fretta al rifugio, permettendoci di conoscere le bellezze naturalistiche del posto e di prendere confidenza con tutto il gruppo che si è dimostrato subito affiatato e di ottima compagnia.
Avendo meteorologicamente una bellissima giornata davanti a noi, non ci siamo fatti mancare il pic-nic adagiati su un bel prato al cospetto delle cime della Weissmies 4.023m, del Lagginhorn 4.010 e del Fletschorn 3.993m.
L'erba intorno a noi stava ormai assumendo il tipico colore giallo autunnale e i larici mostravano qualche leggero segno del cambiamento di stagione ormai imminente, ma la giornata gradevole ci faceva ancora assaporare il caldo di fine estate.

Una volta giunti al rifugio e depositati i nostri zaini, ci siamo diretti in un bellissimo prato per fare la prima pratica Yoga. La pratica - anche se breve, a Settembre il sole purtroppo comincia a calare nel pomeriggio - ci ha permesso di rinnovare le nostre energie. L'ambiente naturale e il contatto diretto con il suolo hanno reso questa pratica ancora più bella e intensa.

La cena al rifugio è stato un momento conviviale non solo tra il gruppo ma con tutte le persone presenti e, come spesso accade, nella serata di sabato siamo finiti con il cantare tutti assieme.

Il risveglio della Domenica mattina è stato accompagnato dal bellissimo mare di nubi sotto di noi: tutte le valli erano coperte dalle nuvole di bassa quota, mentre sopra di noi il cielo azzurro e il sole. In questa stagione spesso avviene l'inversione termica dove in alta quota è più caldo, mentre a bassa quota più fresco. Noi sopra le nuvole, il mondo folle e caotico degli uomini sotto le nuvole!

Yoga In Quota panoramaDopo una buona colazione ci siamo diretti all'Alpe Marzasca un piccolo nucleo di baite, dove abbiamo cercato un posto pianeggiante per poter praticare Yoga. Una volta presa confidenza con l'erba un po' alta ma gradevole Riccardo ci ha guidati nella pratica iniziando con il saluto al sole.
Con un panormama fantastico e il sole che ci scaldava, era davvero emozionante e bello eseguire questi gesti, si percepiva davvero l'energia che il sole ci dava.
Intorno a noi il fruscio dell'aria ed il fischio sporadico di una marmotta, per il resto silenzio e calma.
Abbiamo praticato Yoga per quasi due ore e alla fine della seduta eravamo quasi tutt'uno con quel terreno che stava ospitando. L'erba che prima sembrava pizzicarci ed essere estranea a noi, ora era diventata familiare e piacevole.

La giornata si è conclusa con un bel pranzo al Rifugio e una discesa a valle allegra e piena di buoni propositi per il futuro.

Questo gemellaggio tra Escursionismo e Yoga sembra proprio essere il modo ideale per rigenerare il nostro animo ed affrontare il viaggio della vita in modo più sereno e consapevole.

In collaborazione con: YOGA VIGEVANO

Yoga In Quota escursionismo 

 

 Guarda il fotoalbum su Google

e-max.it: your social media marketing partner

Associato a:

 

GeaVcoLogo 80