ESCURSIONE TRA STRESA E BELGIRATE

Un sentiero tra storia, religione, riti pagani e panorami sul Lago Maggiore.

StresaRed 9094Le alture del Lago Maggiore offrono all’escursionista attento diversi percorsi interessanti sotto molti punti di vista. L’escursione di questo fine settimana metteva in evidenza diversi fattori: la forte e predominante antropizzazione umana che negli ultimi anni ha portato a cementificare, l’abbandono dei terrazzamenti e dei coltivi, un passato ricco di storia e riti religiosi e pagani e i grandi panorami verso il Parco Nazionale Valgrande.

In questa escursione abbiamo effettuato un bellissimo percorso di traversata tra ville lussuose, ville antiche, boschi di castagno, agrifogli e segni del passato.

Il percorso è molto facile e breve, quindi ci siamo presi tutto il tempo rendendo la giornata attiva e rilassante. Ci troviamo in stazione FS a Novara per recuperare una persona che arriva da Torino e tra presentazioni e qualche chiacchiera arriviamo a Stresa. Lasciamo l’auto in stazione e ci infiliamo subito in un bar del centro per fare la lauta e ricca colazione! Il tempo è bello ma in inverno il clima lacustre è piuttosto umido, quindi è d’obbligo scaldarci con un buon caffè! Oggi sono solo con tre donne e buone camminatrici, tanto che dopo i primi passi sono già a chiedere a qualcuno se sta andando a lavorare visto il passo da milanese in orario di punta! Oggi la giornata è relax, si cammina ma non si corre … mica ci si deve sempre tirare il collo con dislivelli e percorsi arditi!

Passiamo a fianco la bellissima Villa Pallavicino con il suo meraviglioso giardino affacciato sul Lago Maggiore mentre in fronte ad essa si trova il monumento eretto in onore della grande amicizia tra il filosofo e religioso Antonio Rosmini e lo scrittore Alessandro Manzoni.
Anche se il clima è mite, l’umidità ci impone di muoverci perciò riprendiamo il cammino risalendo la bella mulattiera fino a raggiungere la piccola frazione di Passera con il suo oratorio. Qui abbiamo la prima bella veduta panoramica sul lago e le montagne del Parco Nazionale Valgrande.StresaRed 9115

Seguendo il sentiero passiamo tra i ruderi del “Mulin da la stria di Passera” con la sua leggenda, ogni luogo ha una sua leggenda misteriosa e da qui il passo è breve per arrivare al singolare masso coppellato e alla cappella dedicata a San Grato, qui il passato celtico di questa zona si unisce al cristianesimo, mentre intorno a noi gli agrifogli ci ricordano le antiche origini celtiche del Natale.

Dopo una mia breve e interessante introduzione storico-filosofica raggiungiamo la nostra radura panoramica dove sostiamo per il pranzo.. e che pranzo! Le gentili signore tirano fuori dolci, dolcetti, biscottini e zenzero candito! Ci godiamo il sole caldo di questo strano inizio inverno e dopo aver riposato per bene, ci incamminiamo verso Calogna con la sua bella veduta e di li discesa diretta a Belgirate, dove ci attende il lago e il treno per il rientro a Stresa. Consueta merenda al bar e piccola passeggiata per le vie del centro prima di far ritorno a casa.

Grazie a tutte per la vostra simpatia e allegria.

StresaRed 9096

GUARDA IL FOTOALBUM COMPLETO SU GOOGLE+

e-max.it: your social media marketing partner

Associato a:

 

GeaVcoLogo 80